• 9:00 - 13:00
    16:00 19:00
    Orario
  • Qualit√†Professionalit√†

PRIMO SOCCORSO

Obiettivi
Assolvere l'obbligo a carico del datore di lavoro della formazione della squadra di Pronto Soccorso (gruppo B e C in base al Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e decreto attuativo n. 388/03 allegato 4)

Durata
12 ore divise in 2 incontri di 6 ore

Destinatari Addetti alle emergenze

Pre-requisiti datore di lavoro di imprese o unità produttive fino a 5 lavoratori e/o lavoratori dipendenti o privato

Materiale Dispense, carpetta con penna e blocks-notes

Certificazioni attestato di frequenza rilasciato a coloro che hanno frequentato almeno il 90% del monte ore e che superano la prova di verifica finale positivamente

Validità della certificazione l’attestato di frequenza ricopre la sua validità per un periodo di anni 3 (tre) dalla data di rilascio, entro la data di scadenza va frequentato un corso di aggiornamento

Contenuto
OBIETTIVI DIDATTICI E CONTENUTI MINIMI DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI DESIGNATI AL PRONTO SOCCORSO PER LE AZIENDE DI GRUPPO B E C

MODULO A
ALLERTARE IL SISTEMA DI SOCCORSO
a) Cause e circostanze dell'infortunio (luogo dell'infortunio, numero delle persone coinvolte, stato degli
infortunati, ecc.);
b) comunicare le predette informazioni in maneira chiara e precisa ai servizi di assistenza sanitaria di
emergenza

 RICONOCERE UN EMERGENZA SANITARIA
1) Scena dell'infortunio:
a) raccolta delle informazioni;
b) previsione dei pericoli evidenti e di quelli probabili;
2) Accertamento delle condizioni psicofisiche del lavoratore infortunato:
a) funzioni vitali (polso, pressione, respiro);
b) stato di coscienza
c) ipotermia e ipertermia;
3) Nozioni elementari di anatomia e fisiologia dell'apparato cardiovascolare e respiratorio.
4) Tecniche di autoprotezione del personale addetto al soccorso.

ATTUARE GLI INTERVENTI DI PRIMO SOCCORSO
1) Sostenimento delle funzioni vitali:
a) posizionamento dell'infortunato e manovre per la pervietà delle prime vie aeree;
b) respirazione artificiale;
c) massaggio cardiaco esterno;
2) Riconoscimento e limiti d'intervento di primo soccorso:
a) lipotimia, sincope, shock;
b) edema polmonare acuto;
c) crisi asmatica;
d) dolore acuto stenocardico
e) reazioni allergiche
f) crisi convulsive;
g) emorragie esterne post-traumatiche e tamponamento emorragico

CONOSCERE I RISCHI SPECIFICI DELL’ATTIVITA’ SVOLTA

MODULO B 
ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SUI TRAUMI IN AMBIENTE DI LAVORO
1) Cenni di anatomia
2) Lussazioni, fratture e complicanze
3) Traumi e lesioni cranio-encefalici e della colonna vertebrale
4) Traumi e lesioni toraco-addominali

ACQUISIRE CONOSCENZE GENERALI SULLE PATOLOGIE SPECIFICHE IN AMBIENTI DI LAVORO
1) Lesioni da freddo e da calore
2) Lesioni da corrente elettrica
3) Lesioni da agenti chimici
4) Intossicazioni
5) Ferite lacero contuse
6) Emorragie esterne

MODULO C 
ACQUISIRE CAPACITA’ DI INTERVENTO PRATICO
1) Principali tecniche di comunicazione con il sistema di emergenza del SSN
2) Principali tecniche di primo soccorso nelle sindromi cerebrali acute
3) Principali tecniche di primo soccorso nella sindrome di insufficienza respiratoria acuta
4) Principali tecniche di rianimazione cardiopolmonare
5) Principali tecniche di tamponamento emorragico
6) Principali tecniche di sollevamento, spostamento e trasporto del traumatizzato
7) Principali tecniche di primo soccorso in casi di esposizione accidentale ad agenti chimici e biologici

PROVA DI VERIFICA FINALE questionario a risposta multipla